22 ottobre 2013

SMAU 2013: l’ICT a portata di business

Iniziano i preparativi per l’edizione autunnale della Smau, l’Esposizione Internazionale di Information and Communication Technology. In Fieramilanocity dal 23 al 25 Ottobre, una piattaforma di incontro tra domanda e offerta nell’ambito delle tecnologie digitali: i principali attori digital, le strartup, i centri di ricerca, si riuniranno per dare nuovi stimoli alle tecnologie digitali nel nostro Paese e approfondire i vantaggi ottenibili.

Storyboard, ha girato per il web alla ricerca di informazioni sull’evento e ha scoperto per voi tantissime interessati curiosità, a partire dai grandi nomi che saranno presenti nelle due giornate:  Aruba, Cisco, Dell, Fujitsu, Huawei, IBM, Intel, Lenovo, Microsoft, NetApp, Sap, Vodafone, Wacom e Zucchetti racconteranno le migliori opportunità per accelerare il cambiamento prodotto dalle nuove forme di comunicazione.

Con Internet, infatti, il nostro modo di relazionarci e di lavorare è iniziato a cambiare profondamente: tra la metà degli anni settanta e la metà degli anni novanta, le nuove tecnologie dell’informazione si sono diffuse con velocità fulminea, hanno fatto irruzione nella nostra vita e rivoluzionato abitudini, interazioni e comunicazioni. Dall’uso di smartphone e tablet, ai social network come nuovi strumenti di comunicazione e promozione di prodotti e servizi, fino ad arrivare ai dispositivi in grado di accorciare le distanze creando ambienti di lavoro virtuali ed efficienti come Skype…Tutto il mondo rimane collegato e connesso attraverso la diffusione della teconologia dell’informazione: oggi, infatti, proprio l’informazione non rappresenta più soltanto la risorsa più importante nelle organizzazioni ma uno degli elementi che le caratterizza globalmente, tanto che si parla appunto di società dell’informazione.

Le imprese devono saper cogliere le sfide che il mercato propone ed evolversi seguendo la sua trasformazione per rimanere aggiornati facendo dell’innovazione un elemento chiave della loro strategia.

“Smau è la migliore opportunità per accelerare questo cambiamento culturale: l’evento sarà un laboratorio per valorizzare e condividere con tutti i visitatori professionali le esperienze dei ‘Local Champions’ e, soprattutto, dei loro fornitori e partner…” Dice Pierantonio Macola, Amministratore Delegato di Smau.

L’innovazione è dunque il motore dell’azienda e Smau è l’acceleratore di innovazione per antonomasia.

Technology and Innovation è il binomio che, all’interno dell’esposizione, sarà traslato in due aree distinte, da un lato l’area dedicata alle tecnologie digitali per le imprese con il proprio calendario di eventi, premi e workshop a cura delle più prestigiose scuole di formazione manageriale italiane, School of Management del Politecnico di Milano e Sda Bocconi School of Management e società di consulenza come Gartner, dall’altro un’area che ospiterà oltre 200 attori tra centri di ricerca, laboratori, incubatori, acceleratori di innovazione e startup, provenienti da tutto il territorio nazionale accompagnati dagli Assessorati alle Attività Produttive, Innovazione delle più dinamiche Regioni Italiane, tra cui, per citarne alcune, Regione Lombardia, Piemonte, Toscana, Veneto, Puglia e molte altre.

E a proposito di startup e incubatori, Smau sarà anche il luogo dove poter costruire, inventare e progettare il futuro della propria azienda; un ambiente fortemente coinvolgente dove trovare ispirazione dalle innovazioni presenti e incontrare il giusto partner per realizzare quel sogno parcheggiato nel cassetto che si vorrebbe concretizzare. Tra coloro che possono contribuire ad avverare i desideri di business, PoliHub – Startup District & Incubator, un’iniziativa di Fondazione Politecnico e Politecnico di Milano per lo sviluppo di startup in ambiti innovativi come le nuove tecnologie digitali, i nuovi media, i dispositivi medicali, le tecnologie “green” e l’efficienza energetica, le città intelligenti, l’aerospazio e il disegno industriale.

“Nella zona Bovisa di Milano abbiamo già 1.500 metri quadrati che ospitano 25 startup – dice Andrea Rangone, coordinatore del progetto Start-up Boosting di Polihub – stiamo costruendo un altro edificio per arrivare a settembre a 50 startup, il doppio.”

Pierantonio Macola, Presidente di Smau, Riccardo Donadon, Presidente di Italia Startup, Andrea Rangone, Responsabile degli Osservatori del Politecnico di Milano, Stefano Firpo e Mattia Corbetta del Mise, e Alessandro Fusacchia del MAE saranno i principali speaker del convegno del 25 Ottobre. L’evento darà la possibilità di presentare ufficialmente l’Osservatorio sull’ecosistema delle startup italiano, nato dalla collaborazione tra Italia Startup e il Politecnico, e di discutere i prossimi passi dell’innovazione e la voglia di fare impresa nel nostro paese, attraendo allo stesso tempo l’interesse di investitori internazionali.

L’obiettivo di Polihub, infatti, è quello di creare un ecosistema utile ad attrarre imprese innovative nei settori hi-tech, incentivando la localizzazione di nuove realtà grazie alla presenza di infrastrutture, esperienza, know how, laboratori e domanda specifica, superando i confini dell’incubatore per dar vita a Milano ad un vero distretto tecnologico che ha l’obiettivo di arrivare a 100 startup incubate entro i prossimi 3 anni.

Altra novità di questa edizione di Smau, sono un village Anci Lombardia che ospiterà i comuni della Regione che giocano un ruolo attivo nello sviluppo del proprio territorio in chiave Smart City e Smart Communities, un’arena in cui saranno condivise le esperienze in corso nel territorio lombardo e due premi: il “Premio Smart City“, che quest’anno giunge alla sua seconda edizione milanese, e il “Premio e-Government: i campioni del riuso” in cui saranno premiati i migliori progetti a riuso grazie alle tecnologie digitali.

Tante tematiche interessanti e nuove opportunità di sviluppo… Se anche tu vuoi essere al centro dell’innovazione e realizzare i tuoi progetti, due passi da Smau sono una buona opportunità!