31 marzo 2015

Quando la tecnologia è anche solidale

App solidali

La tecnologia ha cambiato il nostro modo di lavorare, le nostre abitudini, la nostra quotidianità… può fare qualcosa anche per migliorare la qualità della vita di quanti presentano delle disabilità? Per andare incontro alle necessità di queste persone si sta facendo strada il filone della “tecnologia solidale”, ossia tutti quegli strumenti tecnologici che offrono soluzioni per rispondere alla necessità di persone che presentano disabilità, fisiche o (…)
Continua a leggere

25 marzo 2015

Smart cities…. Smart lighting!

winter-light-festival-nabano-no-sato-japan

Chi tra gli italiani, cresciuti in qualunque punto dello stivale, non associa l’illuminazione di un qualsiasi centro storico al colore giallo paglierino? Saremmo in grado di immaginare le nostre città illuminate da una luce differente? Questione di abitudine! Con il passare del tempo dovremo cambiare il nostro modo di concepire l’illuminazione, rinunciando a quell’effetto romantico conferito dalla vecchie lampadine ad incandescenza, andando incontro invece a qualcosa (…)
Continua a leggere

20 marzo 2015

Un hashtag al giorno… parte la #MuseumWeek!

twitter-museum-week

Cultura e digitale, un binomio che si sta rafforzando anche in Italia. Sono molte le possibilità che il web e soprattutto i canali social possono offrire ai musei che, com’è noto, molto spesso non dispongono di risorse sufficienti per attivare campagne di comunicazione strutturate. Per avvicinare i musei a questi canali, a partire dallo scorso anno, alcuni community manager di musei e istituzioni culturali francesi hanno deciso (…)
Continua a leggere

16 marzo 2015

#ioleggoperché: ditelo in 140 caratteri, ma non solo.

Logo Ioleggoperché

Gli italiani saranno un popolo di “poeti, di artisti, di eroi, di santi…” ma non sono un popolo di grandi lettori. Una ricerca dell’ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori, su dati ISTAT, mostra che solo il 41,4% degli italiani (sopra i 6 anni) legge almeno un libro all’anno, dato in calo rispetto al 2013 in cui era il 43% della popolazione avvezza a leggere. Ma soprattutto, guardando (…)
Continua a leggere